Palermo, l'anno si apre all'insegna dei rifiuti

Strade e piazze piene di immondizia, cassonetti stracolmi. Le zone periferiche le più colpite. L'Amia: in poche ore la situazione tornerà normale

PALERMO. Primi giorni del nuovo anno all'insegna dei rifiuti. Se ciò che accade per il primo dell'anno si ripeterà per 365 giorni, non sarà un buon 2012 per Palermo. Infatti cumuli di immondizia e cassonetti pieni in numerose vie della città, anche se da domenica notte le squadre di Amia sono al lavoro per recuperare il surplus e svuotare i contenitori. A nulla è servita la comunicazione fatta dall'azienda sulla modifica degli orari di ritiro e conferimento, dalle periferie al centro contenitori pieni e spazzatura sui marciapiedi. Partendo da Pallavicino, dove i contenitori sono rimasti colmi fino a ieri mattina, stesso scenario si ripete in via Perpignano: cumuli di rifiuti in ogni postazione. Non è stato da meno corso Finocchiaro Aprile e le strade limitrofe, come via Marco Polo, dove i sacchetti hanno sommerso i marciapiedi. Spostandosi in centro non è differente la situazione, da via Principe di Scordia Giankarim De Caro indicando un mucchi di sacchetti per terra dice: «È un peccato, passano i turisti e fotografano i rifiuti». Ed è sufficiente spostarsi di pochi metri per trovare altre piramidi di sacchi, come in piazza Aldo Moro. Invece è proprio di fronte la Clinica Candela che da giorni stazioni un contenitore pieno d'immondizia. Mentre non è una novità trovare i cassonetti pieni per chi abita in via Mendelssohn a Cruillas. Ma se in periodo di «pace» si è rischiata la tragedia con i roghi dei contenitori, adesso i cittadini sono veramente stanchi: «Non è possibile continuare così - dice Alessandro Azzimati - già quando la raccolta va bene i cassonetti sono sempre stracolmi, ora non si passa neanche con l'automobile». Non è da meno Brunelleschi, al Cep. Qui i contenitori sono stati svuotati per tutta la settimana, ma sono stati sufficienti due giorni di stop per riempire la strada intorno alla postazione dei contenitori di rifiuti come racconta Salvatore Clemente. E così sacchetti sparsi per la viadove è anche statao il camper del Giornale di Sicilia nei giorni scorsi. Anche allo Zen non sembra proprio cambiare la storia: contenitori ricoperti dall'immondizia, montagne di sacchetti con i resti del pranzo e del cenone di Capodanno come spiega Alfonso Maranzano: «È tutto sporco». Intanto, dagli uffici di Amia, assicurano: «Già da ieri notte (domenica, ndr) il servizio raccolta ha recuperato il 50%. Da contratto l'azienda doveva garantire i servizi minimi essenziali, - spiegano - e di conseguenza non è neanche possibile conferire i rifiuti nei giorni festivi in quanto vige il divieto da ordinanza del sindaco. - poi aggiungono - contiamo di tornare alla normalità entro oggi (ieri, ndr)».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati