Regione, stop alla stabilizzazione dei precari

Il Commissario dello Stato per la Regione siciliana ha impugnato dinanzi alla Corte Costituzionale buona parte del disegno di legge approvato all'unanimità dall'Assemblea regionale cinque giorni fa, col voto compatto di maggioranza e opposizione

PALERMO. Stop alla stabilizzazione di quasi mille precari e ai concorsi pubblici per altre mille persone in Sicilia. Il Commissario dello Stato per la Regione siciliana ha impugnato dinanzi alla Corte Costituzionale buona parte del disegno di legge approvato all'unanimità dall'Assemblea regionale cinque giorni fa, col voto compatto di maggioranza e opposizione. La scure del commissario si abbatte anche sulla norma che prevedeva la proroga dei contratti dei precari, in scadenza a fine anno, in attesa dei concorsi pubblici che la Regione avrebbe bandito nell'arco di tre anni.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati