Crisi, Visco: l'Italia ha fatto la sua parte

Il governatore della Banca d'Italia: "Monti sta operando bene. La manovra si può discutere nelle singole misure ma è stata essenziale"

ROMA. "L'Italia ha fatto la sua parte. La tendenza all'aumento dei rendimenti si è comunque bloccata e si é invertita, e oggi siamo ben al di sotto dei massimi registrati negli ultimi mesi. Certo vi è molta volatilità, ma sappiamo che la fiducia sui mercati si perde con rapidità e si riconquista solo lentamente e con un impegno costante e continuo". Lo afferma il governatore della Banca d'Italia, Ignazio Visco, in un'intervista al Sole 24 Ore. "Monti sta operando bene. La manovra si può discutere nelle singole misure ma è stata essenziale, senza non sappiamo dove saremmo potuti essere", dichiara Visco. "Ora bisogna lavorare ancora, spiegando ai nostri partner europei e agli osservatori esterni i progressi che abbiamo realizzato in Italia, e spiegando anche che continueremo ad agire con determinazione sul piano strutturale per sostenere la crescita".
Per Visco serve "un lavoro certosino sulla spesa. Sicuramente si può concentrare la spesa dove più è utile, come la scuola, ma poi ci sono interventi a costo quasi zero che sono utilissimi alla crescita: dall'efficienza della giustizia civile alla concorrenza tra le imprese, dalla regolamentazione eccessiva di alcuni settori alla lentezza amministrativa". Sul mercato del lavoro, "dobbiamo muoverci verso un sistema che garantisca il lavoratore, non il posto di lavoro". In merito alle imprese, l'iniezione di liquidità della Bce "é molto importante per mantenere i finanziamenti all'economia ed evitare il credit crunch", rileva il governatore. "Le aziende di credito hanno chiesto liquidità in quanto temono il venir meno di poste del passivo - raccolta interbancaria, collocamenti obbligazionari sul mercato - e quindi di dover compensare riducendo le loro attività, cioé prestiti a famiglie imprese e titoli in portafogli. L'intervento di politica monetaria mira proprio ad evitare che avvenga questa restrizione dell'attivo".
La politica monetaria, conclude Visco, "sarà attenta al ciclo economico. L'abbiamo resa ancora più accomodante di quanto già non fosse prima. E' così che difendiamo la stabilità monetaria nel breve periodo".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati