Palermo, nulla da rimproverare. L'analisi di Angelo Morello