Il maltempo investe la Sicilia

Vento e piogge hanno creato disagi in molte zone dell’Isola. Aerei in arrivo al Falcone e Borsellino trasferiti a Catania e Trapani. Black-out totale al petrolchimico di Gela

PALERMO. Natale freddo e in balia del Maestrale in Sicilia. Forte  vento già in queste ore, freddo e temporali con mareggiate e piogge copiose. E non manca la neve, a Piana degli Albanesi, anche sulle basse Madonie, sui monti attorno a Termini Imerese, sui Peloritani e sui Nebrodi. La Protezione civile ha emanato un avviso di «avverse condizioni meteorologiche» in tutto il Meridione d’Italia. La nuova perturbazione proveniente dalla Sardegna raggiungerà la Sicilia e sarà accompagnata da forti venti di Maestrale con rischio di mareggiate nelle coste esposte. Ma dal pomeriggio di giovedì ci dovrebbe essere un lieve miglioramento che proseguirà venerdi e sabato. Ma dalla sera del 24 tornerà il maltempo.

ALBERI CADUTI E VOLI DIROTTATI A PALERMO.
Un forte vento, con raffiche potenti,  soffia dalle prime ore della mattina, a Palermo  provocando la caduta di rami, alberi, segnali stradali, piante in vasi vicino ai negozi, anche nella zona del centro. Il centralino della sala operativa dei vigili del fuoco è andata in tilt a causa delle numerose chiamate dei cittadini, preoccupati. A causa del maltempo che ha ridotto la visibilità, inoltre, quattro voli in arrivo nell'aeroporto di Palermo sono stati dirottati in un primo momento a Catania e Trapani, anche se poi tre di questi sono rientrati nel capoluogo.


BAGHERIA, ALBERI SULL’AUTOSTRADA. La caduta di quattro alberi, sradicati dal forte vento, ha causato la chiusura provvissoria di un tratto dell'autostrada A19, in direzione Palermo, con uscita obbligatoria allo svincolo di Bagheria. Lo rende noto l'Anas, che ha inviato sul posto personale per risolvere il problema e gestire la viabilità. 


DANNI AL LICEO DI USTICA. Il maltempo ha flagellato anche l'isola di Ustica, dove la burrasca e il vento, che soffiava fino a 100 kmh, hanno seminato il panico fra gli studenti del liceo scientifico. Le violente raffiche hanno infatti infranto i vetri della scuola, mentre gli studenti erano nelle classi: sei aule sono state sgomberate. Sono intervenuti i vigili del fuoco. Anche nel resto dell'isola sono crollati pali della luce e numerosi alberi. Ustica non è raggiungibile da quattro giorni perché i collegamenti con Palermo sono stati sospesi.



BLACK OUT AL PETROLCHIMICO DI GELA.
Black-out totale, al petrolchimico di Gela, stamani, alle 5,30, per un'avaria alla sottostazione elettrica dello stabilimento che agisce da interfaccia tra la centrale termoelettrica della Raffineria Eni e la rete dell'Enel. Il guasto sarebbe stato causato dal temporale abbattutosi per tutta la notte nel Gelese. Il buio è stato totale, rendendo estremamente difficoltoso il lavoro del personale turnista.Non sono stati segnalati finora danni né alle persone né alle apparecchiature. Tuttavia il petrolchimico é completamente fermo. La direzione aziendale ha riunito tutti i responsabili della produzione, delle manutenzioni e delle utilities per fare il punto della situazione.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati