Affiliato ai clan muore, sequestro di beni agli eredi

La Direzione investigativa antimafia di Catania ha messo i sigilli a beni per 500.000 euro, tra appartamenti, terreni e automezzi, agli eredi di un presunto appartenente al clan mafioso Trigila deceduto

CATANIA. La Direzione investigativa antimafia di Catania ha sequestrato beni per 500.000 euro, tra appartamenti, terreni e automezzi, agli eredi di un presunto appartenente al clan mafioso Trigila deceduto.
Il provvedimento è stato disposto dal Tribunale di Siracusa, che ha accolto la proposta avanzata dal Direttore della Dia, in applicazione della recente normativa antimafia che consente di aggredire i patrimoni dei mafiosi anche dopo la loro morte. I beni sequestrati sono ritenuti riconducibili a un commerciante di abbigliamento, deceduto nel 2009, accusato di fare parte del clan mafioso Trigila di Noto (Siracusa), e legato alla 'famiglia' di Cosa nostra di Catania, guidata dal capomafia ergastolano Benedetto Santapaola.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati