Imprenditore estorce denaro a ditta messinese, arrestato

MESSINA. La polizia ha eseguito a Capizzi (Me) un'ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti del titolare di una ditta, Bartolomeo Testa Camillo, 43 anni, con l'accusa di estorsione aggravata dal metodo mafioso. Secondo gli agenti, l'uomo, che fa parte del clan di Gela, ha obbligato un'impresa che doveva realizzare una strada di collegamento tra Capizzi e Cerami, a pagargli un pizzo di 26 mila euro. Il taglieggiatore aveva inoltre imposto che la sua ditta ottenesse il sub appalto. Dopo indagini durate alcune settimane, l'uomo è stato bloccato. Il titolare della ditta alla quale aveva estorto il denaro non aveva voluto denunciare Testa, ma messo alle strette ha ammesso quello che era avvenuto.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati