Rapina in banca a Forlì: arrestati due siciliani

FORLI'. A tradirli le immagini del circuito  tv di sorveglianza della banca, due impronte digitali lasciate  sui nastri adesivi con cui avevano legato le impiegate e i  cellulari agganciati alla cella telefonica più vicina alla  banca proprio nel momento in cui avveniva la rapina. Verificato  anche che avevano soggiornato in un albergo di Forlimpopoli  (Forlì-Cesena) con le loro compagne alcuni giorni prima del  colpo.


La squadra Mobile di Forlì ha arrestato i presunti  responsabili di una rapina a mano armata commessa il 17 febbraio  alla filiale di Forlì della Cassa di Risparmio di Rimini, che  fruttò a due malviventi 17.000 euro. Si tratta dei siciliani  Francesco Iuvara, 42 anni, di Catania, e Pietro Di Grado, 22  anni originario di Caltanisetta. Il provvedimento è stato  notificato ai due in carcere a Ivrea, in Piemonte, dove si  trovano per un'altra rapina in banca.    


Quella mattina di febbraio il più giovane entrò in banca  fingendo di chiedere informazioni per aprire un conto corrente.  Poco dopo entrò in azione anche il complice che, cutter in  mano, si impossessò del denaro in cassa. I due poi legarono e  imbavagliarono le due impiegate e se ne andarono. Le indagini,  grazie anche al fatto che i due avevano agito a viso scoperto,  permisero ben presto di diffondere a livello nazionale le foto  dei ricercati, fino al riscontro positivo giunto da Ivrea.     Le indagini proseguono, in quanto gli investigatori  sospettano che i due possano essere stati autori di altre rapine  in banca commesse nel nord Italia con la medesima tecnica. 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati