Violenta per anni una bimba, al processo scopre che è sua figlia

Il caso a Messina. L’imputato è un uomo di 67 anni condannato dal gup a sei anni per pedofilia. La scoperta dopo un esame del Dna

MESSINA. Per oltre un decennio ha abusato sessualmente di una bambina ritenuta soltanto figlia della sua amante. E' stato denunciato e durante il processo ha scoperto, dopo un esame del Dna, di essere il padre della vittima dei soprusi. L'imputato è un uomo di 67 anni di Messina che è stato condannato dal gup a sei anni di reclusione per pedofilia. Era stato arrestato, come riporta la Gazzetta del Sud, ad aprile scorso dopo la denuncia della ragazza violentata da quando aveva 4 anni. Agli atti del processo vi sono le registrazioni degli incontri sessuali con l'indagato registrati con il telefono cellulare. L'uomo e la madre della bambina si incontravano in vari motel. E spesso la donna faceva assistere la figlia agli incontri con il suo amante.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati