Tasse, aumentano i morosi nel Palermitano

I dati della Serit. Al 30 ottobre di quest'anno imorosi sono diventati 325.262, con ulteriore aumento rispetto al 2010 del 3,3 per cento

PALERMO. Pagamento delle tasse, è allarme rosso. La crisi economica fa sentire I suoi effetti e I morosi aumentano. C’è un dato su tutti che meglio di ogni altro riesce a fotografare la situazione di estrema debolezza economica. Quello delle «sofferenze» nel pagamento delle tasse che emergono dai dati della Serit, l'agenzia della riscossione in Sicilia. Al 30 ottobre del 2009 I morosi (cioè coloro che non hanno pagato una cartella esattoriale entro i termini, lasciandola scadere) a Palermo e provincia sono stati 299.553.Un anno dopo balzo avanti del 5,10 per cento, e sono diventati 314.834. Al 30 ottobre di quest'anno I morosi sono diventati 325.262, con ulterior aumento rispetto al 2010 del 3,3 per cento. Questi numeri riguardano contribuenti in generale, la maggior parte dei quail titolari di partita Iva.
Una situazione emersa nell'ambito del forum su «Economia meridionale: prospettive di sviluppo dopo la crisi» organizzato dagli Ordini dei commercialisti della Sicilia e dallo stesso consiglio nazionale. Spiega Santo Russo, president dell'Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Palermo: «C’è unquadro molto fragile che va immediatamente sostenuto. Una delle prime cose da fare è aiutare le imprese con misure fiscali tendenti a privilegiare il reinvestimento degli utili per favorire l'inserimento nel mondo del lavoro, agevolare l'accesso al credito con contributi in conto interessi e prestando adeguate garanzie da parte dei confidi».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati