Lombardo apre a Miccichè: allargare la maggioranza? Perchè no

Il presidente della Regione: “Non sono contrario, ma serve il conseno degli alleati. Governo nazionale? Bisogna scongiurare il voto, sì a Monti”

PALERMO. "Non sono ostile all'idea di allargare la maggioranza che sostiene il governo della Regione, va fatto però se c'é il consenso dell'attuale coalizione sulla base di una omogeneità programmatica e senza fare pasticci". Lo ha detto il governatore della Sicilia, Raffaele Lombardo, rispondendo ai giornalisti a Palazzo d'Orleans sulla possibilità di larghe intese anche in Sicilia. In quest'ottica Lombardo apre al Grande Sud di Gianfranco Micciché: "Non sono contrario - aggiunge - ma ripeto, serve il consenso degli alleati". Il primo banco di prova per testare questa strada, secondo il governatore, può essere la finanziaria. "Bisogna fare una buona legge per sostenere lo sviluppo - ha sostenuto - e non una norma di pochi articoli come l'ultima manovra".
Sul governo nazionale ha detto: "Si scongiuri il voto e si formi un governo che veda tutti partecipi. Bisogna assumersi responsbailità e in questa fase difficile essere anche impopolari". Lo ha detto il leader del Mpa e governatore della Sicilia, Raffaele Lombardo, conversando con i giornalisti a Palazzo d'Orleans. "Creare un governo di larghe intese - ha aggiunto - vuol dire mettersi insieme, dal piccolo Mpa al Pdl, perché c'é una situazione d'ermergenza da affrontare per il bene del Paese. Leggo che qualcuno si vuole sottrarre a questa responsbailità, ma così non si rende credibile". Se spetta ai partiti indicare i ministri, Lombardo è netto: "Ritengo che Monti possa fare scelte migliori".  

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati