Sicilia, Politica

Maroni: la maggioranza non c’è più

Il ministro dell’Interno nel salotto tv di Fabio Fazio. “Inutile accanirsi, questa situazione non può durare a lungo

MILANO. "Le notizie di poco fa mi fanno pensare che la maggioranza non c'é più ed è inutile accanirsi". Nel salotto tv di Fabio Fazio, Roberto Maroni ha indicato stasera le continue defezioni di parlamentari berlusconiani come il segnale che, per il governo, questa situazione "non può durare molto a lungo". "E il problema serio - ha evidenziato il ministro dell'Interno senza giri di parole - è dentro il Pdl: quindi o il Pdl riesce a ricompattare le fila oppure dovremo prendere atto che non c'é più una maggioranza". Per la Lega a quel punto, ha ribadito Maroni, la strada sarà una sola, quella delle "elezioni, come abbiamo detto anche al Capo dello Stato" e che sono una prospettiva che, per esempio, "ha consentito alla Spagna di recuperare sui mercati: perché dunque temerle?".    
Maroni non ha formulato ultimatum, ha detto che spetta solo a Berlusconi decidere se fare un passo indietro o a lato, ma ha espresso un evidente fastidio per la piega presa dagli eventi, anche perché ritiene che il "problema non sia numerico ma di coesione". Il Carroccio continuerà a essere fedele agli alleati, ha assicurato a proposito del voto di fiducia sul Rendiconto dello Stato. però si sappia che "i problemi non vengono dalla Lega. Io ho grande stima e amicizia nei confronti del segretario del Pdl Angelino Alfano - ha scandito il titolare del Viminale - e sono certo che lui si rende conto della gravità della situazione e mi auguro che ci sia un'iniziativa per evitare di arrivare in Parlamento e fare la fine di Prodi". A quel punto la Lega non sarà comunque disponibile a un cambio di maggioranza perché sarebbe come "stravolgere le regole e un ritorno al passato", a giudizio di Maroni: che ha battuto più volte sul rispetto del mandato elettorale e l'incompatibilità con forze come l'Udc "che ha votato contro il federalismo fiscale".    
Mandato eventualmente da ricercare, dunque, di nuovo nelle urne, nonostante il rischio di un esito sfavorevole all'attuale maggioranza in un periodo in cui "la crisi è dilagante ed è inutile negarlo". Una convinzione sostenuta da Maroni con diverse argomentazioni, anche tecniche. Votare già a gennaio "si puo", ferme le prerogative del presidente Napolitano. E in tre settimane anche una nuova legge elettorale "volendo si può fare”.
 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati