Uccise figlio disabile: torna in carcere per residuo di pena

Sergio Raimondo Testaquadra, 49 anni - dopo una recente sentenza della Corte di Cassazione - dovrà scontare cinque anni, 11 mesi e 19 giorni, per l'omicidio, avvenuto nel febbraio 2004

ENNA. La polizia, in esecuzione di un ordine  di carcerazione emesso dalla Procura generale della Repubblica  presso la Corte d'appello di Palermo, ha arrestato il biologo  Sergio Raimondo Testaquadra, 49 anni, che - dopo una recente  sentenza della Corte di cassazione - dovrà scontare un residuo  di pena di cinque anni, 11 mesi e 19 giorni, per l'uccisione  della propria figlia minore, avvenuta nel febbraio 2004.      Sergio Raimondo Testaquadra si è presentato, in compagnia  della moglie, negli uffici della Squadra Mobile di Enna, quindi  é stato trasferito nel carcere del capoluogo.  Testaquadra uccise la figlia di 12 anni, facendola annegare  nel mare di Realmonte, nell'agrigentino, e in seguito tentò  pure il suicidio. In primo grado l'uomo era stato condannato a  12 anni, la Corte d'appello confermò la condanna. 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati