Pizzo al titolare di un rimessaggio a Palermo, 2 condannati

PALERMO. La quarta sezione della corte d'appello di Palermo ha condannato per tentata estorsione Andrea Semilia e Gregorio Palazzotto, ribaltando il verdetto del gup Giangaspare Camerini che li aveva assolti. La corte ha escluso l'aggravante di avere agevolato Cosa nostra. Secondo l'accusa, Semila e Palazzotto, ex genero del boss Gaetano Fidanzati, avrebbero chiesto 15 mila euro al titolare di un rimessaggio di barche che si trova nel porticciolo dell'Arenella . La persona offesa si è costituita parte civile, come le associazioni Addiopizzo e Libero Futuro. Il risarcimento sarà quantificato in sede civile.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati