Affetta da sclerosi multipla esplora grotta carsica

SIRACUSA. E' scesa a cinquanta metri di  profondità dentro una cavità carsica, la Grotta Genovese, in  territorio di Canicattini Bagni, in provincia di Siracusa:  Angela però non è una speleologa. Studia per diventare  geometra ed è costretta in una carrozzella da tanti anni,  essendo affetta da sclerosi multipla.     Grazie agli speleologi della sezione di Ragusa  dell'Organizzazione Europea dei vigili del fuoco volontari e di  Protezione Civile ha potuto visitare la splendida cavità  carsica formatasi grazie all'azione  delle acque meteoriche.  L'unico modo per accedere alla grotta è calarsi con una fune da  un'apertura del terreno di poco più di un metro di diametro e  scendere fino a dieci metri. All'interno la grotta è molto  vasta e per farla visitare ad Angela gli speleologi, coordinati  da Leonardo Barone, hanno utilizzato un sistema di teleferica  con le funi che ha permesso alla giovane disabile di stare  sospesa in aria. La stessa tecnica che si utilizza solitamente  nei soccorsi. L'iniziativa è stata promossa dall'Associazione  Italiana Sclerosi Multipla ed è stata patrocinata  dall'amministrazione comunale di Ragusa. 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati