Omicidio Di Matteo, confermate tre condanne

Trent'anni di reclusione ciascuno per i boss Benedetto Capizzi, Fifetto Cannella e Cosimo Lo Nigro, accusati del sequestro e dell'omicidio del piccolo Giuseppe, figlio del pentito Santino, rapito nel '93, quando aveva 12 anni, e assassinato dopo circa due anni di prigionia

PALERMO. La Corte d'assise d'appello di  Palermo ha confermato la condanna a 30 anni di reclusione  ciascuno per i boss Benedetto Capizzi, Fifetto Cannella e Cosimo  Lo Nigro. Sono accusati del sequestro e dell'omicidio del  piccolo Giuseppe Di Matteo, figlio del pentito Santino, rapito  nel '93, quando aveva 12 anni, e assassinato dopo circa due anni  di prigionia. Capizzi, secondo l'accusa, sarebbe stato tra i  mandanti del sequestro organizzato da Giovanni Brusca per  indurre il pentito a interrompere la collaborazione con la  giustizia. Lo Nigro e Cannella avrebbero fatto parte del  commando di uomini d'onore che, travestiti da poliziotti,  prelevarono il bambino al maneggio dicendogli che l'avrebbero  portato dal padre. 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati