Rutelli: alla Regione un governo politico per uno scatto di qualità

Il leader dell’Api: “candidati a Palermo? Prima i programmi e le alleanze. Mi sarebbe piaciuta Giulia Bongiorno ma lei non ne vuole sapere”

PALERMO. "E' ancora presto per parlare di candidatura a sindaco di Palermo, prima i programmi e le alleanze. Mi sarebbe piaciuta Giulia Bongiorno ma lei non ne vuole sapere. Sicuramente serve un nome che abbia capacità di scompaginare perché a Palermo ci vuole una dimensione civica". Lo ha detto il leader dell'Api Francesco Rutelli rispondendo ai giornalisti a Palermo. "Abbiamo avuto a Palermo una prima sindacatura Cammarata di un certo tipo - ha aggiunto - e una seconda disastrosa". E ancora sull’Mpa. "Il Movimento per l'autonomia deve sciogliere il nodo delle alleanze in Sicilia e a livello nazionale".

SULLA REGIONE. "Abbiamo appoggiato lealmente Raffaele Lombardo, ma adesso ci aspettiamo uno scatto di qualità e per questo abbiamo chiesto un governo politico". Lo dice il leader di Api, Francesco Rutelli. Soffermandosi sui rapporti con Lombardo, Ru telli ha aggiunto: "Con lui siamo stati leali, ora siamo esigenti". Ai giornalisti che gli hanno chiesto se l'Api si senta rappresentata dall'assessore ai Beni Culturali Sebastiano Missineo, Rutelli ha risposto secco: "No. Missineo é un amico ed è stato un nostro collaboratore, ma il punto è proprio questo: abbiamo bisogno di un governo politico per una svolta, a cominciare dai temi dell'occupazione e dello sviluppo, che affronti anche le questioni relativi al turismo e ai beni culturali, oltre che spendere e bene i fondi dell'Unione europea rilanciano le opere pubbliche". "Non si può pensare da qui alle prossime elezioni per l'Assemblea regionale siciliana senza una vera e propria svolta", ha affermato Rutelli.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati