Pastore è di nuovo a Palermo, ma solo per andare in Procura

L’ex rosanero e il dirigente del Paris Saint-Germain Leonardo dai pm per essere ascoltati sulla presunta estorsione subita da Zamparini per opera dell’agente Simonian

PALERMO. Il calciatore del Paris Saint-Germain, Javier Pastore, e il dirigente della squadra francese, Leonardo, sono arrivati in Procura a Palermo per essere sentiti su una presunta estorsione subita dal presidente della squadra rosanero, Maurizio Zamparini. Entrambi verranno ascoltati dal procuratore aggiunto Maurizio Scalia che indaga sulla vicenda dopo la presentazione di una denuncia da parte di Zamparini. Il patron sostiene di avere subito un'estorsione da parte dell'agente di Pastore, Marcelo Simonian, che gli avrebbe chiesto del denaro in più rispetto a quello pattuito per la cessione dell'ex giocatore del Palermo al Paris Saint-Germain. Simonian avrebbe minacciato - secondo Zamparini - di far saltare le trattativa se il presidente non avesse accontentato le sue richieste. Da qui l'esigenza di sentire il dirigente e anche Pastore.  

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati