Zamparini: "Noi bestia nera del Milan? Solo a Palermo"

Preoccupato il presidente della società rosanero che a pochi giorni dalla sfida di sabato dice: "I rossoneri fanno solo finta di essere in crisi"

PALERMO. «Noi siamo la bestia nera del Milan? È vero, ma solo a Palermo, non a San Siro. Questo mi preoccupa molto, perché con l'Inter non venivamo considerati la loro "bestia nera" e abbiamo vinto». È un Maurizio Zamparini già proiettato verso la gara di sabato sera quello che ha parlato ieri pomeriggio davanti agli uffici della Lega. «Io e Galliani abbiamo incominciato a fare a cazzotti - ha scherzato il patron rosanero - ma la verità è che abbiamo troppa gente sparsa per il mondo a giocare, per questo dobbiamo ringraziare Blatter che pensa solo a fare soldi con la Fifa e a fare amichevoli dall'altra parte del mondo. Sabato spero che i giocatori del Milan che di solito fanno la differenza non siano in forma e che Miccoli ce la faccia ad essere della partita, ma mi sembra difficile». Ma Zamparini non vuol sentire parlare di crisi del Milan, nè della presunta «stanchezza» di Ibrahimovic e Cassano. «I rossoneri fanno solo finta di essere in crisi. In realtà i grandi giocatori quando stanno bene sono in grado di fare sempre la differenza. Lo stress di Ibrahmovic e Cassano? Vogliono solo più soldi...». E l'ingresso in Champions League continua ad essere il sogno proibito del presidente che vede il Palermo sullo stesso livello delle romane: «Siamo un po' più in basso rispetto al Napoli ma siamo sullo stesso piano di Roma e Lazio. Se qualche "grande" dovesse avere una defaillance, come è successo lo scorso anno alla Juventus, potremmo anche conquistare la zona-Champions. Così faremmo festa per due anni! Mangia? Lo ripeto, è stato per noi un grande colpo di fortuna. Ma ho detto ai miei colleghi Agnelli e Galliani che, in realtà, gli allenatori non contano niente. Mangia e Conte sono due giovani, non sono mica dei filosofi, l'importante è dargli una buona squadra». E le dichiarazioni a tutto tondo di Zamparini, toccano anche l'argomento mercato, con il presidente dei rosa che smentisce l'interesse dell'Inter per lo sloveno Ilicic: «Non mi è stato chiesto dall'Inter, non ho ricevuto nessuna chiamata dai nerazzurri così come non l'avevo ricevuta per Cavani. Zahavi? È un buon giocatore come Ilicic, quindi non è un fuoriclasse. Non è in circolazione il nuovo Pastore, come lui ne viene fuori uno ogni dieci anni». Intanto ieri pomeriggio i rosa hanno disputato a Boccadifalco una partita amichevole contro la formazione degli Allievi. Il test in famiglia è terminato 3-0, con la doppietta di Budan e il gol di Ilicic. Buone notizie arrivano da Fabrizio Miccoli, che non ha preso parte alla partita, ma ha corso a lungo a bordo campo insieme ad un preparatore. Zamparini ha detto che sarà difficile vederlo in campo contro il Milan, ma chissà che il presidente non venga smentito. Decisiva la giornata di oggi, quando si capirà se il capitano tornerà ad allenarsi con il resto del gruppo.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati