Studenti contro il degrado: sigilli simbolici in 4 scuole

Il blitz provocatorio, compiuto da Avanguardia Studentesta, si è svolto anche in altre cento scuole italiane. A Palermo colpiti i licei "Basile", "Almeyda", "Vittorio Emanuele II" e l'istituto professionale "Salvemini"

PALERMO. Un sigillo con il nastro bianco e rosso è stato simbolicamente affisso a Palermo in quattro scuole per denunciarne il degrado. L'azione provocatoria è stata compiuta da Avanguardia Studentesca, il movimento degli studenti identitari. Il blitz si è svolto contemporaneamente in altre cento scuole italiane. A Palermo nel mirino dei manifestanti sono finite i licei "Basile", "Almeyda", "Vittorio Emanuele II" e l'istituto professionale "Salvemini".
"Il liceo "Basile" ha gravi carenze strutturali (infiltrazioni, crepe nei muri, cornicioni pericolanti), la mancanza di strutture sportive adeguate, ha le uscite d'emergenza inagibili e molte classi fatiscenti. - affermano - Al liceo "Almeyda", oltre ai soliti problemi strutturali,
molti laboratori (fondamentali per un liceo artistico) sono inagibili. Al liceo "Vittorio Emanuele II" la palestra è quasi inutilizzabile e gli studenti rischiano quotidianamente la loro incolumità a causa di vetrate e muri pericolanti, oltre al problema di servici igienici scadenti. All'istituto professionale "Salvemini" mancano le scale d'emergenza, l'ascensore per gli studenti disabili e molte classi sono senza finestre o prese d'aria". "Con questa iniziativa goliardica - afferma Emanuele Vella portavoce di Avanguardia Studentesca Palermo - vogliamo denunciare il degrado in cui versano molte scuole di Palermo".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati