Intercettazioni svelano agguato: 3 arresti a Catania

Nell'ottobre 2009 due esponenti della cosca Cappello erano rimasti feriti ma senza recarsi in ospedale a seguito di contrasti tra due clan rivali sul controllo di un'estorsione

Sicilia, Cronaca

CATANIA. Forti contrasti tra due clan rivali per il controllo di un'estorsione a un imprenditore edile di Catania sono sfociati in agguato di mafia compiuto il 1 ottobre 2009, in cui due esponenti della cosca Cappello sono rimasti feriti, ma senza recarsi in ospedale. Particolari sulla sparatoria, della quale non si era ancora avuto notizia, emergono dall'inchiesta che ha portato all'emissione di un ordine di custodia cautelare per tre presunti
autori, ritenuti affiliati al gruppo dei Cursoti milanesi: Francesco Di Stefano, di 38 anni, Nicola Parisi, di 33, e Michele Musumeci, di 29. Agenti della squadra mobile della Questura hanno arrestato quest'ultimo e notificato il provvedimento in carcere agli altri due indagati, già detenuti per altri reati.
I due presunti esponenti della cosca Cappello rimasti feriti in maniera non grave nell'agguato, Orazio Pardo a un piede e Salvatore Liotta a una gamba, non si sono fatti medicare in strutture pubbliche né hanno denunciato l'accaduto. L'episodio é emerso ugualmente grazie a intercettazioni che la polizia aveva in corso sui due gruppi criminali.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati