Mafia, sequestrati beni per oltre 2 milioni nell'Agrigentino

PALERMO. La Direzione investigativa antimafia di Palermo ha sequestrato, in provincia di Agrigento, beni per un valore complessivo di oltre 2 milioni. Il patrimonio é riconducibile a tre sospetti mafiosi, ritenuti organici a Cosa nostra agrigentina: si tratta di Pietro Antonio Derelitto,
48 anni, di Sciacca; Antonio Giuseppe Perricone, 57, di Burgio, che attualmente si trova in carcere; di Diego Gioacchino Guarneri, 43 anni, originario di Canicattì. Tra i beni sequestrati cinque appartamenti, appezzamenti di terreno, tre imprese, 12 rapporti bancari e alcuni autoveicoli.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati