Misilmeri, dipendenti poco produttivi Niente Facebook al Comune

Il sindaco: la decisione è legata al fatto che il Municipio rileva da alcuni mesi che gli accessi sono utilizzati dai terminali in dotazione al personale sovente per chattare. Proteste su internet

MISILMERI. La censura del sindaco Pietro D'Aì si è abbattuta come una mannaia. Oscurati con un click negli uffici comunali Facebook e i blog, prima amici, poi scomodi come Misilmeri Blog che nel corso delle amministrative ha sostenuto il cambiamento e la candidatura del sindaco e anche quelli poco amici come Misilmeri News. La mannaia si è abbattuta perché a dire del sindaco i dipendenti comunali anziché lavorare stanno «tutto il tempo a chattare su Facebook o criticare e colpire gli assessori, l'amministrazione e i funzionari sui blog».
Internet diventa a Misilmeri, e come nel resto del mondo, una piazza virtuale, dove tutti mettono in pubblico critiche, ingiurie e attacchi. Tutto insopportabile per il primo cittadino che come contromisura ha pensato bene di chiudere l'accesso ai siti e ai blog. A dire il vero ci sarebbero nella lista anche alcuni siti porno, visitati troppo spesso dai dipendenti. Ma su questo, assicurano dal Comune, c'è in atto un'ispezione interna. I blog sono insorti. «Pare - si legge sulla home di Misilmeri News - che la decisione ufficiale scaturisca dal fatto che molti impiegati dedicano tanto tempo a navigare su internet. Questa cosa, giustamente, all'amministrazione, non piace. Allora si chiude internet. Bene. Ma se da un qualsiasi computer del Comune di Misilmeri, mi voglio collegare a qualche sito di poker on line o di scommesse, o voglio visionare i siti di compravendita di case o ebay, o su qualche sito delle maggiori griffe di moda o ancora a qualche sito porno (secondo le statistiche sono i riferimenti più cliccati in Italia), questo mi è possibile? Udite, udite: sì. Qualcuno ha fatto la prova e ci si può collegare. Allora il motivo per cui sono stati oscurati alcuni siti di informazione, tra cui Misilmeri Blog e Misilmeri News quale è? Troppo tempo a leggere le informazioni? Può essere vero».
Sarcastico anche il commento su Misilmeri Blog. «Quello dell'energia elettrica non è stato l'unico taglio al comune, è stata infatti oscurata la visione del nostro sito, Misilmeri Blog, dai computer delle reti comunali. La decisione è stata presa a quanto sembra dalla giunta al completo. Beh che dire scusate se siamo stati un elemento di disturbo, da adesso in poi ci auguriamo di riscontrare una marcia in più nella macchina amministrativa. Ma ricordate di mettere il carburante».
Il sindaco ribadisce che la scelta è solo per fare lavorare di più i dipendenti comunali. «Misilmeri Blog e Misilmeri News svolgono una funzione essenziale per l'informazione nella nostra città - dice Piero D'Aì -. La decisione di sospendere l'accesso dagli uffici e dalle postazioni comunali ai due portali, così come ad alcuni social network, è legata al fatto che il Municipio rileva da alcuni mesi che tali accessi sono utilizzati dai terminali in dotazione al personale sovente per chattare o lasciare commenti. Credo che un uso distorto di internet. Pertanto l'off limits deciso per alcuni siti ha solo carattere provvisorio, ma non esime l'Amministrazione comunale dal disporre accertamenti e indagini interne circa l'uso di internet dai computer comunali».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati