Il pentito Pasta: "Niente estorsioni a chi aderiva ad Addiopizzo"

PALERMO. Questa mattina a Roma, durante l'udienza del processo d'appello nato dall'operazione “Addiopizzo”,  è stato ascoltato il pentito Manuel Pasta, che ha  dichiarato: “Addiopizzo ed il movimento antiracket collegato rappresentavano un ostacolo per la mafia. Non si chiedeva il pizzo ai commercianti aderenti. Non ci sia andava proprio”. Queste dichiarazioni sono ulteriore conferma dell'efficacia dell'attività svolta in questi anni dal movimento antiracket a Palermo. "Il comitato Addiopizzo e l'associazione antiracket Libero Futuro colgono, quindi, l'occasione per rinnovare ai commercianti e agli imprenditori l'invito alla denuncia.  Il fenomeno dell'estorsione può e dev'essere sconfitto. Continuiamo a dire no al pizzo”!

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati