La manovra punto per punto

Una scheda per sintetizzare il documento definitivo approvato alla Camera

Tasse, tagli a ministeri e ad enti locali, novità sul lavoro, riforma dei tribunali, revisione delle indennità per i parlamentari e Comuni piccoli con apparati più snelli. Questi in sintesi i contenuti della manovra, varata a Ferragosto per anticipare al 2013 il pareggio di bilancio e che ha incassato il voto di fiducia alla Camera. Ecco le principali misure della manovra da 54 miliardi.

IVA PIU’ CARA. L'aliquota del 20% passa al 21% a partire dal giorno successivo alla pubblicazione in Gazzetta della legge.

CONTRIBUTO DI SOLIDARIETA’. Per i contribuenti con un reddito oltre i 300.000 euro, il contributo di solidarietà del 3 per cento sarà applicato dal 2011 al 2013.

TASSE LOCALI, SBLOCCATE DAL 2012. Comuni e Regioni potranno aumentare l'addizionale Irpef.

«ROBIN TAX». Aumenta dal 6,5% al 10,5% l'addizionale Ires per le imprese del settore energetico.

RENDITE AL 20%. Vengono unificate le aliquote del 12,5% e del 27%, fatta eccezione per i titoli di Stato.

STUDI DI SETTORE.
Più stringenti le regole sulla congruità.

BOLLO MONEY TRANSFER. L'imposta è del 2%, con un minimo di 3 euro. Esenti i trasferimenti di persone con matricola Inps.

MANETTE AGLI EVASORI. No alla sospensione del provvedimento se sono stati evasi oltre 3 milioni e se l'ammontare evaso è il 30 per cento del fatturato.

CONTROLLO CONTI CORRENTI. L'Agenzia delle Entrate potrà controllare i conti correnti in via preventiva.
 
DICHIARAZIONI ON-LINE.
I Comuni potranno pubblicare sui siti i dati relativi alle dichiarazioni in forma aggregata.

LOTTA EVASIONE COMUNI. Passa al 100 per cento l'incasso della lotta all'evasione messa in campo con la collaborazione del Comune.

STRETTA SULLE COOP. Si alleggeriscono le agevolazioni e gli utili peseranno di più sulla base imponibile.

PIU’ TASSE A SOCIETA’ DI COMODO.
Arriva un'addizionale del 10,5 per cento e una serie di norme restrittive.

SOCIETA’ IN PERDITA. Se il “rosso” è registrato per tre esercizi consecutivi sono equiparate alle società di comodo.

BARCA DELLA SOCIETA’ ENTRA IN REDDITOMETRO. Più controlli sui beni delle società usati dai familiari dei titolari, dalle barche alle auto.

TRACCIABILITA’. Scende da 5.000 a 2.5000 euro la soglia massima per l'utilizzo del contante.

FATTURE. I professionisti che non rilasciano la documentazione rischiano la sospensione dagli Ordini.

SCONTRINI SULLA SPIAGGIA. Arriva l'obbligo per gli stabilimenti balneari.

RECUPERO CONDONO 2002.
Il Fisco potrà recuperare le somme non riscosse entro il 31 dicembre 2011.

ACCISA. La clausola di salvaguardia prevede l'aumento, che può riguardare anche altre imposte indirette, qualora la manovra non produrrà gli attesi effetti finanziari.

TRASFERIMENTI NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE. Sarà più facile spostare da una sede all'altra i lavoratori pubblici.

PENSIONI PER LE DONNE.
Anticipato al 2014 l'inizio del timing per arrivare a 65 anni nel privato.

TFR STATALI. Ritardato di 6 mesi per chi va in pensione di vecchiaia e di 24 per quelle di anzianità.

SCUOLA. Le finestre per andare in pensione sono fissate all'inizio dell'anno scolastico dell'anno solare successivo.

AUTORITA’. Il periodo di aspettativa per i componenti è computato ai fini della progressione di carriera, per gli aumenti di stipendio e ai fini pensionistici.

CARRIERE. Se lo scatto di carriera alla vigilia della pensione non supera 3 anni per l'assegno vale la retribuzione precedente.

FESTE LAICHE E PATRONALI. Verranno accorpate alla domenica tranne il Primo Maggio, il 25 aprile e il 2 giugno.

MINISTERI, TAGLI PER 6 MILIARDI NEL 2012. Prevista anche la riduzione del 10 per cento dei dirigenti statali. Se un'amministrazione non raggiunge i risultati verrà tagliato il 30 per cento del premio di risultato dei dirigenti. Salvi i Fas regionali.

ENTI LOCALI, LA ROBIN TAX ALLEVIA I TAGLI. Il gettito di 1,8 miliardi atteso dall'addizionale sulle imprese energetiche andrà ad alleggerire i tagli di 6 miliardi agli enti territoriali.

CONTRATTO AZIENDALE DEROGA LEGGE. Operano in deroga anche ai contratti collettivi nazionali, anche per quanto riguarda I licenziamenti. Tutela specifica per le neo mamme.

TIROCINI. Vengono posti limiti.

CAPORALATO. Si rischia il carcere fino a 8 anni.

STIPENDI SU LIVELLI EUROPEI.
Varrà per i titolari di cariche elettive e per i vertici di enti e istituzioni.

TAGLIO INDENNITA’ PARLAMENTARI. Taglio del 10 per cento oltre i 90.000 euro e del 20 per cento oltre i 150.000 (escluse Presidenza del Consiglio e Corte costituzionale). La riduzione è raddoppiata per i parlamentari che percepiscono un reddito da attività lavorativa superiore al 15 per cento dell'indennità.

PROVINCE. Dimezzamento dei consiglieri.

VOLI LOW COST.
Per parlamentari e amministratori pubblici.

RIFORMA UFFICI GIUDIZIARI. Vengono riorganizzati i tribunali.

PICCOLI COMUNI, VERSO UNIONI. Niente giunte per i Comuni sotto i 1.000 abitanti e accorpamenti attraverso le Unioni.

LIBERALIZZAZIONI. Si adegueranno le leggi al principio che è permesso tutto ciò che non è vietato. Salvo il numero chiuso per le farmacie e fuori dalle norme anche i taxi.

SERVIZI PUBBLICI LOCALI. Introdotti incentivi alle privatizzazioni.

SPENDING REVIEW. Ok alla revisione della spesa. La norma impegna il ministro dell'Economia a presentare al Parlamento entro il 30 novembre 2011 un programma. Tra gli obiettivi l'accorpamento degli enti di previdenza con un “super-Inps”.

GIOCHI E SIGARETTE. Possibili nuove lotterie e aumento dell’accisa sui tabacchi. Attesi 1,5 miliardi per il 2012.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati