La Juve impressiona, la Roma delude

I bianconeri di Antonio Conte spazzano via il Parma per 4 a 1, mentre i giallorossi di Luis Enrique vengono sconfitti dal Cagliari in casa per 2 a 1

PALERMO. È amara la prima di Louis Enrique in  campionato. Almeno quanto è dolce l'avvio della Juventus di  Antonio Conte nel nuovo impianto di proprietà.     La Roma made in Usa esordisce all'Olimpico perdendo (1-2) con  il Cagliari (non le accadeva dal 1968). È un giallorosso  stinto, come quello visto in Europa League, con l'eliminazione  nel preliminare. Ad aprire le marcature è Daniele Conti, figlio  di Bruno - un pezzo di storia romanista - già al quinto centro  contro i capitolini.     Intanto, all'ora di pranzo, i bianconeri avevano dato  spettacolo a spese del Parma, travolto con quattro reti (a una)  nel nuovo stadio dove i bianconeri segnano e poi vanno a  stringer mani ai tifosi, lì a un passo dal campo. Aveva aperto  le marcature Lichtsteiner, poi imitato da Pepe, dal cileno Vidal  e da Marchisio. Il rigore trasformato da Giovinco nel finale non  cambia quanto di buono mostrato.    


Sono i risultati più eclatanti del secondo turno in serie A  (saltato il primo causa la protesta dei giocatori), aspettando  Palermo-Inter di questa sera. Oltre a Cagliari e Juventus in  cima alla classifica ecco il Napoli (passato con autorevolezza  sabato sera sul campo sintetico del Cesena, lasciano il segno  Lavezzi, Campagnaro e Hamsik), l'Udinese (corsara in casa del  Lecce con Basta ed il 'solitò Di Natale) e la Fiorentina che -  dopo un'estate ricca di contestazioni - contro il Bologna  ritrova gli applausi del Franchi grazie alle reti di Gilardino e  Cerci, i due attaccanti che sembravano destinati a lasciare  Firenze, destinazione Genoa e Manchester City.    


Una giornata che va ricordata anche per la rimonta del  Novara, neopromosso. A Verona contro il Chievo la squadra di  Tesser si trova sotto di due gol (a segno Pellissier e Thereau),  ma non molla e - complice l'espulsione di Sardo per doppia  ammonizione - risale la china grazie a Marianini e Paci.     È invece una mezza sconfitta quella che incassa il Genoa al  Ferraris, costretto al 2-2 dall'Atalanta. Preziosi già critica,  Malesani non può che incassare. I rossoblù passano in  vantaggio con Veloso. Ma poi subiscono la rimonta finalizzata  dalla doppietta del neoacquisto Maximiliano Moralez, argentino  arrivato dal Velez, 160 centimetri di velocità e tecnica. Mesto  agguanta il pari in avvio di ripresa, ma il presidente Preziosi  storce la bocca. I nerazzurri, gravati dai 6 punti di penalità  per il calcioscomesse, cominciano comunque una faticosa  risalità. 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati