Reflui nel torrente di Gela: sequestrato depuratore

GELA. La guardia costiera di Gela, in provincia di Caltanissetta, e del nucleo speciale d'intervento di Roma, indagano sullo smaltimento illecito, che sarebbe avvenuto nelle ore
notturne, di consistenti quantitativi di reflui non depurati, nell'ultimo tratto del torrente Gattano, che sfocia in mare, a ovest del quartiere Macchitella. I militari hanno sequestrato l'impianto di depurazione dei reflui urbani dei quartieri Macchitella, Scavone e Marchitello, gestito da Caltacqua.
Il consulente tecnico nominato dalla Procura, Michele Torregrossa, docente di impianti di trattamenti sanitari e ambientali della facoltà di ingegneria di Palermo, ha avviato alcuni accertamenti. E' stato inoltre disposto l'intervento, nell'impianto di depurazione di Macchitella, dei tecnici dell'Asp di Caltanissetta, in seguito a due ispezioni che hanno rivelato la violazione delle norme sulla sicurezza nei luoghi di lavoro. Caltacqua, la società di gestione delle acque nissena, ha avviato interventi per il miglioramento della gestione dell'impianto: è stato riparato il guasto meccanico che si era verificato in una delle vasche di sedimentazione dei fanghi, é partita la manutenzione ordinaria delle componenti della struttura, è iniziata la manutenzione straordinaria del digestore fanghi, che era fermo da svariati mesi, e sono stati acquisiti, per la messa in opera, i misuratori di portata sulle linee di entrata e di uscita dell'impianto, mai entrati in funzione in precedenza.
Proprio ieri, Caltacqua aveva annunciato che da oggi l'erogazione a Caltanissetta viene sospesa: la società ha riscontrato che, nell'ingresso del serbatoio di San Giuliano, l'acqua è torbida e giallastra. Il provvedimento sarà in vigore fino a quando il problema non verrà risolto.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati