Sciopero Cgil, momenti di tensione a Palermo

Alcuni autonomi hanno bruciato bandiere di Cisl e Uil. Uova contro le banche e le vetrine della libreria Mondadori

PALERMO. Alcuni autonomi, che a Palermo hanno preso parte al corteo organizzato dal sindacalismo di base (Usb) e dalla sigla 'Spezzone sociale', che raggruppa studenti medi e universitari di sinistra, hanno bruciato bandiere della Cisl e della Uil in piazza Verdi, dove il leader della Fiom Maurizio Landini ha chiuso il comizio per lo sciopero della Cgil.
"Non c'é posto per gli infami Bonanni e Angeletti, non c'é spazio per sindacati venduti nel tempo della crisi", scrivono in una nota gli esponenti di "Spezzone sociale". Poco prima, alcuni autonomi avevano lanciato uova contro le vetrine di quattro banche lungo la via Roma e contro la libreria della Mondadori.
Quando il corteo di studenti medi, universitari, precari e centri sociali, partito dalla stazione centrale, ha tentato di unirsi ai manifestanti della Cgil in piazza Verdi ci sono stati momenti di tensione con la polizia che avrebbe consentito il passaggio solo dopo avere chiesto e ottenuto l'assenso dei responsabili locali della Cgil.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati