La lunga scia di sangue: tre morti nelle strade siciliane

Le vittime sono Antonio Di Vincenzo, uscito fuori strada sulla 123 Canicattì-Licata quando con la sua Fiat Uno, e Maria Pantè nel Messinese. L'ultimo in ordine di tempo è un tunisino deceduto nel Ragusano

PALERMO. Una donna di 65 anni, Maria Panté, è morta in un incidente stradale a Furnari (Me). La donna si trovava a bordo di una Ford Fiesta guidata da una giovane di 27 anni. L'auto all'altezza del bivio San Filippo sulla strada statale 113, per motivi ancora da accertare, ha impattato frontalmente con un fuoristrada Nissan Pajero, condotto da un uomo di 74 anni. Panté è morta sul colpo, i conducenti della Ford Fiesta, e del Nissan Pajero hanno riportato gravi lesioni e sono stati trasportati, prima nell'ospedale a Patti e poi a Palermo. Indagano i carabinieri.
Un giovane di 26 anni, Antonio Di Vincenzo, invece, è morto la notte scorsa in un incidente stradale sulla SS 123 Canicattì-Licata in territorio di Ravanusa, nell'agrigentino.
L'uomo è uscito fuori strada con la sua Fiat Uno nei pressi del distributore Cammarata mentre stava facendo ritorno a Canicattì dopo aver accompagnato la sua fidanzata a casa, a Campobello di Licata.
Un tunisino di 24 anni è morto, inoltre. in un incidente stradale autonomo sulla strada provinciale Sampieri-Costa di Carro del litorale ragusano. La sua auto, a bordo c'era anche un albanese rimasto ferito, all'improvviso su un rettilineo ha sbandato travolgendo una grossa pianta sun un aiuola, che ha fatto da rampa di lancio facendo schizzare il mezzo che si è capovolto sulla strada d'accesso di un camping finendo la corsa contro un muro.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati