Brasile, la magia di Ronaldinho