Messina, toglieva le multe in cambio di soldi e cibo: arrestato un vigile

Ai domiciliari il commissario di polizia municipale Paolo Muscianisi, 64 anni, con l'accusa di concussione, corruzione e truffa

MESSINA. I carabinieri hanno arrestato il commissario di polizia municipale Paolo Muscianisi, 64 anni con l'accusa di concussione, corruzione e truffa. Al funzionario sono stati dati i domiciliari.   
Secondo quanto emerso dalle indagini, prima minacciava di multare cittadini e imprenditori per infrazioni accertate, poi assicurava loro che avrebbe chiuso un occhio se gli avessero dato in cambio soldi o alimentari.     
Nel provvedimento cautelare emesso dal gip del Tribunale di Messina, Luana Lino, si parla di un tentativo di concussione del maggio 2009, di concussioni che si sarebbero verificate a marzo e dicembre 2010 e di corruzione del settembre 2010.  In quest'ultimo caso Muscianisi tramite una terza persona avrebbe ricevuto da un imprenditore edile piccole quantità di prodotti alimentari. In cambio non gli avrebbe contestato l'illecita occupazione di un'area demaniale.
Nel corso delle indagini è emerso inoltre che l'uomo, in più circostanze durante l'orario di servizio si sarebbe occupato di suoi affari privati: da qui anche l'imputazione di truffa.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati