Ars, in arrivo nuovi tagli

Tra le misure, la riduzione delle indennità dei parlamentari e la stretta su consulenze, servizi, spese di viaggio e benefit. La bozza con gli interventi sui conti pubblici sarà consegnata lunedì al Collegio dei questori

Sicilia, Economia

PALERMO. Nuovi tagli in arrivo all'Assemblea regionale siciliana, tra le misure la riduzione delle indennità dei parlamentari e la stretta su consulenze, servizi, spese di viaggio e benefit. I funzionari dell'Ars, su mandato della Presidenza, stanno definendo il pacchetto di proposte per contenere la spesa del Parlamento più antico d'Europa, in linea con la manovra in corso al Senato.
La bozza con gli interventi sui conti pubblici sarà consegnata lunedì al Collegio dei questori, convocato dal presidente Giovanni Ardizzone (Udc), che verificherà quali delle misure proposte saranno inserite nella delibera che il 6 settembre sarà esaminata dalla Presidenza dell'Ars.     
Oltre al taglio del 50% dell'indennità come prevede anche la manovra del ministro Tremonti, l'Ars potrebbe ripescare il disegno di legge sulla riduzione del numero dei parlamentari. Nel testo, bocciato per tre volte dall'aula e dalla commissione di merito, viene indicato il numero di 70 deputati (oggi sono 90), 20 in più rispetto a quanto previsto da Tremonti. Secondo molti deputati, tuttavia, per intervenire sul numero dei componenti dell'Ars, stabilito nello statuto speciale, sarà necessario approvare una legge-voto da sottoporre poi a Camera e Senato per modificare la carta autonomista.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati