Accoltellato a Bagheria, fermati anche il suocero e l'altro cognato

Sviluppi sull'omicidio di Giuseppe Alongi 37 anni, assassinato al termine di una lite scatenata dal suo cane

Sicilia, Cronaca

BAGHERIA. Nuovi sviluppi sull'omicidio di Giuseppe Alongi, 37 anni, ucciso domenica pomeriggio a Bagheria. Sono stati fermati dalla polizia anche il padre e il fratello dell'uomo che domenica sera a Bagheria, nei pressi di Palermo, ha ucciso a coltellate il convivente della sorella durante una lite scatenata dall'aggressivita' di un cagnolino della vittima, Giuseppe Alongi, 37 anni. I due fermati, Pietro e Giampiero Ferrito, rispettivamente 55 anni 29 anni, devono rispondere di omicidio in concorso con Rosario Ferrito, 21 anni. Alongi era stato colpito con una coltellata al collo in contrada Lo Monaco, al termine di una festa familiare per un battesimo. A scatenare la violenza, il cane dell'ucciso, che si era scagliato contro Rosario Ferrito. Sembra, pero', che ci fosse da tempo tensione tra Alongi e i Ferrito che non accettava il suo legame sentimentale con la loro parente. Secondo la polizia, Alongi era stato inizialmente attaccato da Rosario Ferrito, e all'aggressione si erano poi uniti Pietro e Giampiero Ferrito.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati