Sicilia, Economia

Crisi, ecco la ricetta di Tremonti

Audizione in Parlamento per il ministro dell’Economia che ha presentato il piano del governo contro la crisi che sta investendo i mercati. Misure forti come il “diritto di licenziare”, il taglio degli stipendi degli statali e gli interventi sulle pensioni di anzianità e su quelle delle donne nel settore privato

ROMA. Data la dimensione del debito pubblico italiano "più forte è il passaggio costituzionale meglio è" per il pareggio di bilancio. Lo ha detto il ministro dell'Economia Giulio Tremonti nel corso dell'audizione in Parlamento spiegando che visto che "il vincolo viene dall'Europa si potrebbe anche importare la norma" con il combinato tra articolo 11 e 117 della Costituzione. Ma nel nostro caso sarebbe meglio un passaggio "forte".

SI VALUTA DIRITTO DI LICENZIARE.
Tremonti, facendo riferimento al mercato del lavoro, ha parlato dell'ipotesi di mettere in campo "una spinta alla contrattazione a livello aziendale, con il superamento del sistema centrale rigido" ma anche "il licenziamento del personale compensato con meccanismi di assicurazione più felici", una sorta di "diritto di licenziare".

TAGLIO STIPENDI STATALI. Tra le ipotesi allo studio per far fronte alla crisi c'é anche quella di "tagliare gli stipendi dei dipendenti pubblici". Il ministro dell'Economia Giulio Tremonti ha spiegato, nel corso dell'audizione in Parlamento, che la riforma del mercato del lavoro, con anche un più facile diritto a licenziare, così come anche l'ipotesi di taglio degli stipendi dei dipendenti pubblici, sono i suggerimenti della Banca Centrale Europea.

ACCORPARE SU DOMENICHE LE FESTIVITA'.
Il governo ipotizza di "accorpare sulle domeniche le festività". Ha detto ancora il ministro dell'Economia nella audizione in Parlamento.

INTERVENTO INCISIVO SU COSTI POLITICA.
"Bisogna intervenire con maggior incisività sui costi della politica. Dobbiamo tornare sulla materia non solo sui costi dei politici, non solo su quanto prendono ma anche su quanti sono. C'é un effetto di blocco, di  manomorta".

STOP ABUSI CONTRATTI A TERMINE. Occorre "evitare forme di abuso dei  contratti a tempo determinato, da quelle parti crea effetti di instabilità della persona che possono essere negativi sull'economia. Finisce che sono tutti dei 'subprime'".

PENSIONI ANZIANITA' E DONNE.
Tra le ipotesi allo studio figurano interventi sulle pensioni di anzianità e su quelle delle donne nel settore privato.

LOTTA ALL'EVASIONE. Il governo studia "forme più forti di contrasto all'evasione fiscale, soprattutto nei casi di omessa fattura o scontrino".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati