Clan Bonaccorsi, 5 arresti a Catania

Blitz della polizia nel centro storico etneo contro presunti esponenti di spicco della cosca mafiosa dei Carateddi, agguerrita frangia del clan Cappello. Fermato anche il reggente della famiglia

CATANIA. Cinque presunti esponenti di spicco della cosca mafiosa dei 'Carateddi', agguerrita frangia del clan Cappello, sono stati arrestati dalla squadra mobile di Catania. Tra loro ci sarebbe anche l'attuale reggente della 'famiglia' Bonaccorsi.
Il blitz è stato condotto in un'abitazione del centro storico della città dove gli agenti hanno fatto irruzione. Durante l'operazione la polizia ha anche sequestrato due pistole, una semiautomatica e una rivoltella entrare con il numero di matricola cancellato. La squadra mobile di Catania ha anche arrestato per favoreggiamento personale la proprietaria della casa.
I mafiosi arrestati in flagranza sono SALVATORE BONACCORSI, 24 anni, figlio del boss Concetto che si trova all'ergastolo, e ritenuto l'attuale reggente dei 'Carateddi', GIOVANNI CRISAFULLI, 24 anni, MAURIZIO BONSIGNORE, 49 anni, ROSARIO ROSSIGNOLI, 54 anni, e GIUSEPPE CHIESA, 24 anni. L'accusa è di concorso in detenzione di armi clandestine e ricettazione, reati aggravati perché commessi per favorire la cosca.
Nell'appartamento dove si teneva la riunione, un monolocale al piano terra in piazza Campo Trincerato, nel quartiere di San Cristoforo, regno dei 'Carateddi' e piazza dello spaccio, sono stati trovati 25 grammi di marijuana e gli indagati sono anche accusati di detenzione di droga.
Anche la proprietaria della casa, ANTONELLA PASQUALINA MICCI, 38 anni, è accusata degli stessi reati. Rosignoli è anche accusato di violazione degli obblighi imposti dalla sorveglianza speciale.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati