Omicidio Corrao, l'autopsia conferma che è stato sgozzato

All'ex senatore è stato procurato un profondissimo taglio alla gola che gli ha reciso anche le corde vocali. Il suo assassino, Saiful Islam di 21 anni, è in carcere a Marsala

Sicilia, Cronaca

CASTELVETRANO. L'autopsia svolta oggi, nell'obitorio del cimitero comunale di Castelvetrano, dai medici legali Procaccianti e Margiotta, sulla salma del senatore Ludovico Corrao ha sostanzialmente confermato quanto dichiarato domenica scorsa dall'omicida, Saiful Islam, di 21 anni, in carcere a Marsala con l'accusa di omicidio volontario.
L'autopsia ha rilevato che il presidente della Fondazione Orestiadi di Gibellina è stato sgozzato: gli è stato infatti procurato un profondissimo taglio alla gola che gli ha reciso anche le corde vocali. Inoltre sono state rilevate le ferite ai polsi, inferte sempre con il coltello da cucina utilizzato per commettere il delitto.
Prima d'infierire su Corrao, l'assassino l'ha tramortito con una statuetta in avorio, colpendolo alla testa. Al termine dell'autopsia la salma è stata dissequestrata ed è già in viaggio verso Gibellina dove, prima di essere trasportata nel municipio (dove è stata allestita la camera ardente) verrà fatta sostare davanti al Baglio delle case Di Stefano, sede della Fondazione Orestiadi, dove si è consumato l'omicidio, che da qualche tempo era divenuto residenza di Corrao.
La camera ardente rimarrà aperta ininterrottamente da stasera fino a giovedì mattina, giorno dei funerali.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati