Morto in Nicaragua il giornalista Francesco Cardella

TRAPANI. Il giornalista Francesco Cardella é morto la notte scorsa a Managua (Nicaragua) stroncato da un infarto. Ne ha dato notizia a Trapani, dove era nato 71 anni fa, la sua famiglia d'origine.  Cardella era riparato a Managua dopo che su di lui si erano addensati sospetti in relazione all'uccisione di Mauro Rostagno, avvenuto a Valderice il 26 settembre 1988. Il sociologo era stato chiamato proprio da Cardella a Trapani perché  collaborasse nella gestione di Saman, Centro per il recupero dei tossicodipendenti. A Managua il giornalista era comunque rimasto anche dopo la conclusione a lui favorevole delle indagini sul delitto, anche perché in quella città aveva costituito una nuova  famiglia. Lascia la compagna e 4 figli, il maggiore dei quali avuto da un precedente matrimonio.    Cardella era un personaggio molto noto: dopo avere cominciato l'attività giornalistica all'inizio degli anni '60 nel quotidiano palermitano Telestar aveva lavorato per numerosi periodici, lanciando i primi giornali porno che gli causarono anche l'arresto per pubblicazione oscena. Dopo avere incontrato il santone indiano Bhagwan Raynesh si era convertito al 'credo' arancione, riciclandosi come terapeuta e fondatore di comunità per giovani in crisi. Molto vicino al 'giro' socialista, era stato amico personale di Bettino Craxi, testimone di nozze del figlio Bobo e di Claudio Martelli.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati