Droga, sette condanne e tre assoluzioni a Sciacca

SCIACCA. Sette condanne, per un totale di 15 anni di carcere e 60mila euro di multa, sono state pronunciate oggi pomeriggio dal giudice monocratico del tribunale di Sciacca Cinzia Alcamo al processo scaturito dall'operazione antidroga denominata "Mata Hari".     La pena più alta (4 anni e mezzo di reclusione e 20mila euro di multa) è stata inflitta a Calogero Sedita, di Ribera. Le altre condanne: 3 anni e 9 mesi per Alberto Bilella, di Sciacca; 3 anni e 3 mesi e 11.500 euro per Giuseppe Arasi, di Sant'Agata Militello (CT); 1 anno e mezzo e 5.000 euro per Simona Gentile, di Ribera; 1 anno e 8.000 euro per Calogero Puleo, di Castelvetrano; 6 mesi ciascuno per Giuseppe Frazzetta, di Ribera, ed Antonio Bono, di Sciacca. Quest'ultimo era accusato di aver danneggiato una microspia collocata dagli agenti all'interno di un bar del centro di Sciacca dove gli spacciatori si incontravano. Tre gli imputati assolti: Salvatore Montalbano, Diego Sabella e Giuseppe Di Giorgi. Il giudice ne ha ordinato l'immediata remissione in libertà. I tre infatti erano sottoposti agli arresti domiciliari. L'attività investigativa antidroga, condotta dalla sezione anticrimine della polizia di Sciacca, culminò con una raffica di arresti nel gennaio 2010. 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati