Venezia, viene investita da robot: chiede 25 mila euro di danni

VENEZIA. Un'infermiera dell'Ospedale all' Angelo di Mestre, investita da un robot portavivande, ha chiesto all'Asl 12 di Venezia un risarcimento di 25mila euro.   Il robot portavivande di ultima generazione in servizio al reparto pediatria, alto due metri, 350 chili di peso, 600 a pieno carico, pare non sia programmato per fermarsi in caso di collisione. Così non si è fermato quando è passato sul piede della donna, causandole diverse contusioni, distorsione della rachide cervicale e schiacciamento delle dita del piede destro. Mancava l'adeguata segnaletica, comparsa dopo l'incidente. Così, quando la donna è uscita dagli spogliatoi, non si è avveduta che, da dietro la porta, stava arrivando il 'terminator' ospedaliero con i suoi carrelli colmi di vivande. L'infermiera, spiega oggi la Nuova Venezia, ha già riscosso un indennizzo dall'Inail, ma ora chiede un maggior risarcimento per i danni patrimoniali e biologici.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati