Scuola: proteste per istituti a rischio nei comuni iblei

RAGUSA. Sedici istituti scolastici della provincia di Ragusa perderanno l'autonomia per il prossimo anno e nonostante la norma preveda il mantenimento della dirigenza nei comuni montani con più di 300 alunni, Monterosso Almo (Ragusa) dovrà accontentarsi di un reggente. A denunciare l'incongruenza è il deputato regionale Roberto Ammatuna (Pd).  "Monterosso Almo, pur avendo una scuola che ha complessivamente 320 alunni (87 scuola materna, 136 scuola primaria, 97 scuola media) - afferma Ammatuna - non avrà autonomia scolastica. Credo che questi ulteriori tagli ad una scuola pubblica già massacrata dal governo nazionale vadano rivisti".    Intanto, il sindaco di Giarratana, Pino Lia, protesta contro la Regione: "Rispetto ad una volontà politica regionale che virtualmente ha spostato i comuni montani, al livello del mare, attueremo tutte le forme di civile protesta perché venga immediatamente rivalutata positivamente l'autonomia scolastica delle scuole medie di ogni rispettivo comune montano ibleo". In provincia di Ragusa sono 16 gli istituti che il prossimo anno scolastico non avranno un dirigente scolastico.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati