Mafia, condannati due presunti esponenti del clan Lo Piccolo

Pene per 12 anni a Giuseppe Provenzano e 8 a Giovanni Angelo Mannino per mafia e estorsione. Gli imputati dovranno risarcire le parti civili

PALERMO. Il Gup di Palermo Lorenzo Matassa ha condannato a 12 anni Giuseppe Provenzano e a 8 Giovanni Angelo Mannino per mafia e estorsione. Si tratta di due presunti esponenti delle cosche legate ai boss palermitani Salvatore e Sandro Lo Piccolo, come scrive il Giornale di Sicilia.     Gli imputati dovranno anche risarcire le parti civili: 100 mila euro andranno, come provvisionale, alla Provincia di Palermo, 50 mila a ciascuna delle associazioni antiracket presenti nel processo, che si è svolto col rito abbreviato

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati