Giornalismo: morto Giuseppe D'Avanzo

ROMA. E' morto improvvisamente oggi Giuseppe D'Avanzo, giornalista e scrittore. Nato a Napoli nel 1953, laureato in filosofia, dopo aver lavorato al Corriere della Sera, nel 2000 è approdato a La Repubblica, diventandone una delle firme di spicco. Ha curato con il giornalista Carlo Bonini, i principali scoop investigativi nei quali la cronaca nera si è incrociata con la politica, soprattutto estera e militare.    Con il cronista Attilio Bolzoni, esperto di mafia, ha pubblicato 'Il Capo dei Capi. Vita e carriera criminale di Toto' Riinà (Rizzoli, 2007, decima edizione), da cui è stata tratta un'omonima miniserie tv trasmessa da Canale 5.


I giornalisti del Giornale di Sicilia sono addolorati per la morte del collega Giuseppe D'Avanzo, la figura più rilevante del giornalismo d'inchiesta contemporaneo. Lo dice una nota del Cdr del quotidiano.  "In una fase di trasformazioni nel sistema informazione, con D'Avanzo - continua - che ha indagato con alta precisione anche tra i misteri di Cosa nostra, scompare la forza, la chiarezza e la credibilità della professione giornalistica allenata a indagare nelle pieghe del potere, portando alla luce verità nascoste pur tra tanto conformismo. I giornalisti del Gds partecipano al lutto dei colleghi di Repubblica e del giornalismo italiano".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati