Regione, la manovra da 2 miliardi e mezzo slitta a settembre

Lombardo: “Ma alcune cose verranno fatte adesso per via amministrativa”. Subito i tagli su autoblù e consulenti. Riduzione degli stipendi per presidente e assessori

PALERMO. Cambio di strategia del governo sull'ipotesi di manovra correttiva dopo l'incontro che c'é stato ieri tra il presidente della Regione Raffaele Lombardo e i capigruppo della maggioranza. L'esecutivo ha accantonato l'idea di varare la manovra, che dunque slitta in autunno. Lombardo ha infatti precisato che “le misure principali saranno inserite in un disegno di legge che sarà discusso a settembre. Alcune cose le faremo invece subito per via amministrativa”.
Nel dettaglio presidente e assessori dovrebbero autoridursi lo stipendio del 10 per cento e limitare l’uso, la cilindrata e il numero delle autoblù. Tra i tagli anche lo stop ai fondi per le consulenze e la riduzione dei membri negli uffici di gabinetto.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati