Tagli di enti e delle indennità Ecco la manovra da 2,6 miliardi

Uffici dell'assessorato regionale all'Economia al lavoro per valutare l'impatto sulla finanza regionale delle misure di contenimento della spesa apportate dal governo nazionale

PALERMO. Due miliardi e 600 milioni di euro in tre anni: 471 milioni per il 2011, 869 milioni per il 2012 e 1,267 miliardi per il 2013. Sono i numeri della manovra correttiva sui quali stanno lavorando gli uffici dell'assessorato regionale all'Economia, alla luce dell'impatto sulla finanza regionale delle misure di contenimento della spesa apportate dal governo nazionale.
Il testo definitivo, che prevede tagli attraverso la soppressione e l'accorpamento di enti, il blocco degli adeguamenti salariali per i dipendenti regionali e la riduzione di indennità a carico delle casse pubbliche ma anche norme per lo sviluppo, sarà pronto domani per l'esame da parte della giunta. Poi passerà al vaglio della commissione Bilancio dell'Ars, quindi dovrebbe arrivare in aula dopo l'approvazione della riforma dei Consorzi Asi.
Secondo quanto si apprende, per il triennio inoltre la Regione dovrà reperire nuove risorse necessarie per coprire i costi dei forestali e della sanità, spesa che per quest'anno dovrebbe essere coperta con i fondi Fas, il cui via libera potrebbe avvenire dopodomani durante la riunione del Cipe.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati