"Detenzione di esplosivo", ai domiciliari amico di Ciancimino

Ordine di custodia cautelare per Giuseppe Avara. Il figlio dell'ex sindaco mafioso di Palermo lo avrebbe coinvolto nella vicenda dell'esplosivo ricevuto a Bologna

PALERMO. Un ordine di custodia cautelare agli arresti domiciliari per detenzione di esplosivo, firmato dal gip Fernando Sestito, è stato notificato a Giuseppe Avara amico di Massimo Ciancimino. Era stato proprio quest'ultimo a coinvolgerlo nella vicenda dell'esplosivo che il figlio dell'ex sindaco mafioso di Palermo avrebbe ricevuto a Bologna e che nel capoluogo siciliano avrebbe consegnato ad Avara per disfarsene. La procura palermitana aveva chiesto la custodia cautelare in carcere.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati