Mafia, chieste condanne per nuove alleanze dei boss di Palermo

PALERMO. Il pm Marcello Viola ha chiesto al gup di Palermo 15 anni carcere per Giuseppe Biondino, nipote di Salvatore, uomo di fiducia del capomafia di Corleone Totò Riina, ritenuto il nuovo reggente della cosca di San Lorenzo.       Biondino è stato arrestato nell'operazione Nuove Alleanze e ha scelto il rito abbreviato come Antonino Di Giovanni, ex dipendente del lussuoso albergo Villa Igiea, già condannato per mafia, nuovo capo della famiglia dell'Acquasanta. Per Di Giovanni il pm ha chiesto la condanna a 12 anni come per Francesco Lo Cicero, ritenuto il suo braccio destro. Nove anni sono stati invocati per Giuseppe Billeci, Antonio Pelligra e Filippo Fiorellino, mentre il pm ha chiesto undici anni e otto mesi per Gioacchino Morisca e dodici anni per Domenico Giordano, fratello del pentito Salvatore Giordano.        La condanna a due anni, infine, è stata richiesta per l'ex finanziere Salvatore Cataldo che avrebbe procurato il giubbotto antiproiettile che l'avvocato Marcello Trapani ha poi consegnato a Calogero Lo Piccolo

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati