Coldiretti: pesche svendute in Sicilia

PALERMO. "L'anno scorso le pesche di Riesi (Cl) si vendevano anche a 50 centesimi al chilo, quest'anno non arrivano a 35 centesimi. Anche in Sicilia il comparto delle pesche soffre la crisi determinata dalle importazioni massicce che vanno a discapito di quelle uniche e di grande qualità come quelle del centro Sicilia". Lo dice la Coldiretti siciliana che lancia l'allarme sull'andamento dei prezzi della frutta fresca "in caduta libera rispetto agli anni scorsi". "Stessa situazione per le pesche di Bivona (Ag), preziose per la polpa bianca - prosegue l'organizzazione -. Quelle di piccolo calibro i produttori le vendono 2,50 euro a cassetta (circa 10 chili) quelle di calibro medio, 60-70 centesimi". Il dato siciliano è confermato dall'Ismea secondo cui al 10 luglio i prezzi all'origine delle pesche hanno subito una flessione su base settimanale del 18%, scendendo in media sui 40 centesimi al chilo. Rispetto allo stesso periodo del 2010 la riduzione oltrepassa il 26%. Evidenti i ribassi anche per le nettarine (il prezzo medio si attesta sui 44 centesimi al chilo), che hanno ceduto il 14% in una settimana e il 34% su base annua. E, ancora, dal servizio Sms consumatori si evince la forbice tra il prezzo di vendita del produttore e quello di acquisto: 0,36 il prezzo d'origine 1,70 quello di vendita al Sud.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati