Grasso: "No ai tentativi di delegittimare i magistrati"

Lo ha detto il procuratore nazionale antimafia intervenendo a Lipari, che ha aggiunto: "L'informazione non deve essere imbavagliata"

LIPARI. "Viviamo in un momento di grande confusione si cerca di delegittimare i magistrati. Ci sono progetti per diminuire l'autonomia dei pubblici ministeri. Ma l'autonomia è un valore che tutti devono sentire come tale".
Lo ha detto il procuratore nazionale antimafia Piero Grasso, intervenuto a Lipari alla presentazione del libro "Le giornate di Filicudi", di Pino La Greca sui mafiosi inviato al confino nell'isola delle Eolie, nel maggio del 1971.   
Il procuratore antimafia ha parlato anche di informazione che "non deve essere imbavagliata" anche se ci deve essere "il giusto equilibrio tra la riservatezza delle indagini, la privacy dei cittadini ed il diritto all'informazione. Ecco, bisognerebbe far quadrare questi principi costituzionali che devono essere osservati tutti".     
Richiamandosi poi al tema dell'incontro e all'anno in cui i mafiosi furono inviati al confino Grasso ha detto: "Per sconfiggere la mafia ci vorrebbero tante Filicudi e non solo in Sicilia. Quell'anno iniziava la mia carriera di giudice e non lo dimenticherò, anche per l'uccisione del Procuratore di Palermo Pietro Scaglione, un magistrato che fu un bell'esempio per la lotta alla mafia".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati