Novantenne ucciso in casa di cura a Mineo: indagati i titolari

A uccidere l'anziano, spingendolo giù dal balcone, un altro paziente. Avvisi di garanzia per omicidio colposo per i due proprietari della struttura

CATANIA. Avvisi di garanzia per omicidio colposo sono stati notificati in queste ore dai carabinieri ai due titolari della casa di riposo di Mineo, in provincia di Catania, dove il 29 giugno un paziente, il novantenne Salvatore Iacobello, era stato ucciso da Antonio Calderaro, un altro anziano ospite della struttura e affetto da demenza. La vittima era stata gettata dal balcone di una stanza dell'ospizio. Calderaro era stato subito arrestato. Nell'ambito di inchiesta, sono stati recapitati avvisi di garanzia anche a un dirigente del Comune di Mineo per abuso di ufficio e a un'infermiera per esercizio abusivo della professione.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati