Caso Russo: Il Pdl assente in aula per protesta

Non si placano all'Ars le polemiche dopo la seduta di ieri e il voto sulla pregiudiziale proposta dalla maggioranza che ha cancellato dall'ordine del giorno la mozione di censura dei confronti dell'assessore alla Salute

PALERMO. Non si placano all'Ars le polemiche dopo la seduta di ieri e il voto sulla pregiudiziale proposta dalla maggioranza che ha cancellato dall'ordine del giorno la mozione di censura dei confronti dell'assessore alla Salute Massimo Russo.   


Intervenendo oggi, all'inizio della seduta, il centrodestra ha annunciato di non partecipare più ai lavori d'aula. "Fino a quando non verrà risolto questo grave problema di agibilità democratica - ha detto Toto Cordaro del Pid - non parteciperemo all'attività d'aula. Mi appello alla presidenza affinché si affronti subito questo nodo".    Quindi ha preso la parola Roberto Corona del Pdl: "assicureremo la nostra presenza, saremo qui a Sala d'Ercole ma non prenderemo parte ai lavori".   


Stessa linea espressa da Carmelo Incardona di Fds: "Ci è stato impedito di trattare la mozione su Russo, è stato mortificato il parlamento regionale. Oltretutto nella commissione per il regolamento non sono rappresentanti tutti i gruppi parlamentari: bisogna rivedere la composizione della commissione e modificare il regolamento d'aula".    Quindi è intervenuto il presidente di turno, Camillo Oddo: "L'argomento è stato affrontato ieri ed è stato già dato mandato alla commissione di procedere con proposte di modifica al regolamento".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati